• Team Lean Plastic

L’IMPORTANZA DI STAMPI, PRESSE, IMPIANTI E POLIMERI NELLO STAMPAGGIO AD INIEZIONE


Lo stampaggio ad iniezione è uno dei processi di produzione industriale con materiali termoplastici più diffusi.

Uno stampaggio ben impostato permette di produrre prodotti finiti, che non hanno bisogno di ulteriori lavorazioni, con un’elevata produttività, mantenendo i costi di esercizio bassi.

Per svolgere questa attività nel miglior modo possibile è necessario avere ben chiare le caratteristiche di stampi, presse, impianti e polimeri.

MASSIMA PRECISIONE DELLO STAMPO

Uno dei componenti indispensabili per il processo di stampaggio ad iniezione è lo stampo. Una buona progettazione, costruzione e manutenzione dello stampo permette di ottenere livelli di efficienza elevati: lo stampo deve essere perfetto, non deve richiedere aggiustamenti continui ai parametri di processo e deve inoltre avere tempi brevi di manutenzione (massima organizzazione ed eliminazione degli sprechi).

Non rispettando queste condizioni, il rischio è di avere macchinari fermi e una produzione inefficiente a causa di stampi non conformi.

CARATTERISTICHE ED UTILIZZO DELLA PRESSA

Per ottenere risultati ottimali dallo stampaggio ad iniezione, è inoltre fondamentale tenere conto delle caratteristiche tecniche della pressa, anche in relazione al comportamento e al settaggio dei vari elementi e alle logiche di utilizzo (es. regolazione del gruppo di plastificazione, processi, …).

CELLA PLASTICA PERFETTA

La creazione della Cella Plastica Perfetta consente di ottenere un ambiente funzionale per un lavoro di Qualità: spazi e ingombri sono calcolati in relazione all’attività svolta e tutte le attrezzature ed elementi necessari sono posizionati in modo ottimale per permettere all’operatore di svolgere la propria attività nel miglior modo possibile.

POLIMERI

Infine, è fondamentale conoscere i principali polimeri che possono essere impiegati nello stampaggio ad iniezione approfondendo caratteristiche, applicazioni, comportamenti e vincoli nel processo e nella resa sul manufatto, parametri necessari e possibili punti deboli o criticità.

In questa fase risulta di fondamentale importanza comprendere il comportamento delle resine e saper impostare – e correggere se necessario – il miglior ciclo, basandosi anche sui supporti di laboratorio e sulle eventuali prove per assicurarsi la conoscenza del blend che si processa e impostare, di conseguenza, la miglior regolazione di processo.


11 visualizzazioni0 commenti